RECENSIONE RUSH - MARRELLA S.p.A. GRAND PRIX ENGINEERING RACING TEAM F1

Vai ai contenuti

Menu principale:

RECENSIONE RUSH

NEWS > 2013

LA RECENSIONE DI MARRELLA SU RUSH

Spettacolare e sempre attento a non trasformare lo spettacolo della velocità in un baraccone postmoderno (non a caso realizzato senza ricorrere al 3D), Rush si concentra sul mondiale di Formula 1 del '76 (e sull'incredibile incidente che sfigurò per sempre Lauda) proprio per raccontare quali siano state, prima a livello umano solamente poi sportivo, le conseguenze di un episodio spartiacque per la carriera di entrambi. Intrattenimento rombante.
Le immagini sono fantastiche, realistiche e fatte con gusto. Non c’è la scena terribile alla Giorni di Tuono del pilota che accelera ancora in un punto dove dovrebbe essere già con il pedale a fine corsa, o l’incidente supermegaterrificante tanto per fare scena o voler dimostrare la pericolosità delle corse. Fantastici gli attori scelti, veramente perfetti nell’interpretare i vari piloti, sia come somiglianza che come rappresentazione. Bellissimo poi come è stato reso il periodo anche con gli effetti le telecamere, con le camera car che rendono immagini molto mosse per replicare le vibrazioni che realmente si vivono a bordo delle vetture.

I commenti del progettista che l'ha visto proprio settimana scorsa sono stati Rush non perde colpi per due ore, e dovrebbe emozionare anche chi non ama la Formula 1 e nel 1976 non era nato, o pensava ad altro. Daniel Bruhl interpreta Lauda con un'adesione fisica e linguistica al limite dell'umano. E' un ruolo da Oscar, ammesso che un film popolare come Rush rompa la tradizionale diffidenza dell'Academy.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu